La casa come miglior rendita garantita. | Chicercacasa.it
Prec    Succ

La casa come miglior rendita garantita.

19 dicembre 2016

La casa rende. La casa come bene rifugio, la casa come strumento che difende i propri risparmi.

Dopo gli anni di difficoltà e, alla fine, anche di diffidenza alimentata dall’incertezza della congiuntura, la casa è tornata a conquistare la fiducia delle famiglie e dei piccoli investitori. Anche in maniera pesante.

Sono gli ultimi dati a far emergere questa conferma, dati emersi dal trend sulle compravendite realizzate dalle agenzie immobiliari sul territorio e che delineano una crescita sempre più elevata dell’acquisto di immobili anche da mettere a reddito – spesso in alternativa ad altri strumenti finanziari come gli stessi conti corrente – oppure come investimento in immobili da destinare a casa vacanza.

Chi investe nel mattone è attento sia ai rendimenti da locazione sia alla rivalutazione del capitale investito. L’ultima indagine del Centro Einaudi di luglio 2016 vede un incremento della quota di intervistati disposti a considerare il mattone l’investimento più sicuro (60% dal 55% del 2015) o il “migliore possibile”( da 33,2% al 40,6%).

I dati elaborati dall’Ufficio studi Tecnocasa hanno messo in evidenza proprio questo aspetto della rendita, di quanto cioè si sono rivalutati i prezzi delle case nelle grandi città partendo dal 1998 e arrivando al primo semestre 2016. Dallo studio e nel confronto fra i capoluoghi di provincia è emerso che si sono rivalutati maggiormente gli immobili di Roma con il 65,3%, seguita da Napoli con il 61,3% e poi da Milano con il 56,3%. Il dato su Bergamo riflette in gran parte il trend di Milano, pur con una rivalutazione leggermente inferiore: dal 1998 a oggi un immobile si è rivalutato fra il 45 e il 53%. Il dato tiene conto degli otto anni della Grande Crisi. Così dal 2007 ad oggi la fase discendente del mercato a livello nazionale registra una diminuzione dei valori del 39,7%.

Se in città il trend di crescita dal 1998 è stato a due cifre, la rivalutazione delle abitazioni nell’hinterland e in provincia è stata inferiore, mediamente e rispettivamente del 5,2% e del 14,3%. Quindi, meno forte di quella che si è avuta nelle città. In queste realtà fuori centro, e sull’onda del boom immobiliare verificatosi tra la fine degli anni ’90 e gli inizi del 2000, sono state messe in vendita molte nuove costruzioni e questo ha contribuito a calmierare i prezzi di mercato.

Dal 1998 ad oggi l’analisi delle rivalutazioni di tutti i capoluoghi di provincia vede un maggior incremento di valore nei capoluoghi del Sud (+24,8%), del Centro (+2,5%) e del Nord (-2,4%). Dal 2007 ad oggi la perdita di valore nelle diverse realtà territoriali è stata abbastanza vicina: -39,7% per le grandi città, -41,5% per i capoluoghi di provincia e -40,9% per l’hinterland.

Tag

ARTICOLICORRELATI

Come ottenere le agevolazioni fiscali per...

L’Agenzia delle Entrate ha appena pubblicato la nuova Guida alle agevolazioni per le ristrutturazioni edilizie. Ristrutturare casa? Spesso queste ...

Continua a leggere

Castasto: nuove categorie catastali e ade...

Addio alle categorie, basta con le classi, le false tariffe d’estimo saranno solo un ricordo. E i famosi vani ...

Continua a leggere

chicercacasa
quilatrova